AFFRESCHI DEL CONVENTO

Il Convento dedicato ai Frati Minori dell’Osservanza di San Martino d’Agri fu costruito a partire dal 1512, data in cui i cittadini del centro lucano, per concessione di Papa Giulio II decisero

MADONNA DELLE GRAZIE

La cappella della Madonna delle Grazie è una cappella gentilizia annessa alla residenza della famiglia Caputo, costruita nel 1836 da Raffaele Grezzi, come riporta l’iscrizione all’interno.

TORRE DELL’OROLOGIO

Quella che oggi è chiamata torre dell’orologio è in realtà ciò che resta del campanile della chiesa di San Lorenzo distrutta dal terremoto del 1857. Attualmente è un bene comunale

RUDERI EX CHIESA DI SAN LORENZO

Di fronte al palazzo baronale, nel punto più alto del paese, sorgeva la Chiesa Madre intitolata al patrono San Lorenzo Martire. Consacrata nel 1372, fu Più volte danneggiata da terremoti, andando irrimediabilmente distrutta il 16 dicembre del 1857.

PALAZZO ROMANO

Il Palazzo Romano, dimora gentilizia posta all’interno del nucleo antico del centro storico, è il risultato di forti rimaneggiamenti dovuti agli ingenti danni subiti dai terremoti dell’ottocento e da una frana che colpì questo versante del paese negli anni trenta del novecento.

PALAZZO DE PIERRO

Percorrendo la strada che da piazza Plebiscito raggiunge il rione Castelluccio, troviamo lo splendido Palazzo De Pierro, Appartenuto all’omonima famiglia nobile locale. Si tratta di un palazzo storico con radici nel 1700.

MADONNA DELLA RUPE

Realizzata nel IX secolo, fu  restaurata a seguito del terremoto del 1857, che causò ingenti danni a molte strutture del paese, e completata nella sua riedificazione, come testimoniato dall’iscrizione apposta sul portale della chiesa, soltanto nel 1893.

CHIESA DI SAN FRANCESCO

La chiesa, di impostazione Cinquecentesca, è caratterizzata da un’unica navata rettangolare, con lesene aggettanti rispetto ai muri perimetrali e nicchie con altari incassati.

BRIGANTI e la MURGIA di Sant’ ORONZO

Traditi dalle promesse, mai mantenute, di uguaglianza e libertà fatte dai piemontesi invasori, molti giovani meridionali diedero vita a movimenti di rivolta, che attraversarono tutto il mezzogiorno d’Italia.

TERRITORIO DELLE MURGIE

Nascondiglio sicuro per i briganti, ma anche via d’accesso all’area del sub appennino lucano ed oggi porta meridionale del Parco Nazionale dell’appennino lucano è la Murgia di Sant'Oronzo, o San Lorenzo?